Il Digital Marketing e i 9 lavori della comunicazione digitale

Avatar
Team digitYou

Il Digital Marketing è una moderna funzione aziendale che annovera tra le sue fila una serie di mansioni, competenze, ruoli e responsabilità finalizzate all’implementazione di una strategia di promozione, aumento della notorietà e vendita di un prodotto o servizio attraverso i canali digitali.

In questa nuova versione digitale del marketing, diventa fondamentale la personalizzazione del prodotto rispetto alle esigenze dei clienti, così come il saper sfruttare i big data per ricavarne informazioni in grado di consentire stime e previsioni dei futuri trend che influenzeranno i vari settori coinvolti. Il tutto, ovviamente, esiste ed è possibile grazie alle nuove tecnologie abilitative e all’utilizzo del web come canale fondamentale dell’intera catena.

Ecco le nove posizioni lavorative che meglio rappresentano questo mondo.

1. Digital Marketing Manager

Chi è nella posizione di responsabile del marketing digitale si occupa di esaminare le strategie di marketing, pianificare e organizzare le campagne di comunicazione, gestire il sito web dell’azienda. Il Digital Marketing Manager ottimizza i contenuti per il sito web e i canali di social network come Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn ma anche WhatsApp, Snapchat, Telegram, Pinterest e TikTok, senza dimenticare Weibo e Wechat per il mondo asiatico. Ricoprire questa posizione significa svolgere un ruolo importante nel migliorare la consapevolezza del marchio all’interno del mondo digital, nonché nel guidare il traffico verso il sito web e nell’acquisizione di contatti e clienti.

È responsabile dello sviluppo, dell’implementazione e della gestione delle campagne di marketing di promozione di prodotti e/o servizi. Individua e valuta anche le nuove tecnologie digitali e utilizza strumenti di analisi dei dati web per misurare il traffico del sito per ottimizzare al meglio le campagne di marketing, le newsletter, i social media e l’advertising.

Le capacità creative e di leadership sono fondamentali. Altrettanto importanti sono le capacità di scrittura, per comunicare in modo efficace il brand e la capacità di analisi dei dati, per estrarre valore dagli strumenti di reportistica. Anche l’adattabilità, la formazione continua e la volontà di esplorare settori e mondi nuovi sono doti essenziali per un Digital Marketing Manager. Chi si trova in questo ruolo è affiancato da alcuni esperti oppure raccoglie su di sé le diverse funzioni.

Inoltre, data la già citata fondamentale importanza assunta dalla personalizzazione dell’offerta rispetto alle esigenze del cliente, lavora in continuo contatto con un’altra figura che analizzeremo, ossia il Customer Relation Manager, da cui riceve continui input che condizionano le scelte in ambito strategico.

2. Il Search Engine Optimizer – SEO Executive

Il ruolo principale di uno specialista del SEO è quello di classificare le pagine del sito web nei risultati del motore di ricerca e aumentare il traffico verso lo stesso sito. Conoscere e approfondire il lavoro dei motori di ricerca è un ambito sempre nuovo e in forte espansione giorno dopo giorno. Serve un’esperienza adeguata e un alto livello di abilità tecnica. In questo ruolo una persona dovrà condurre analisi, compilare report usando il programma Google Analytics.

Per fare questo il SEO Executive o SEO Specialist verificherà le ricerche secondo le ultime strategie di search per parole chiave.

È importante essere sempre aggiornati sugli algoritmi di Google e contribuire allo sviluppo del blog istituzionale per l’ottimizzazione delle sue pagine, in quanto, un blog ottimizzato consente di aumentare la qualità e quantità di traffico derivante dai motori di ricerca, garantendo una presenza tra i primi posti delle SERP, ossia le pagine dei risultati che Google e altri motori producono in risposta alla barra di ricerca.

In questo processo, un ruolo fondamentale appartiene al coding. Più esso sarà pulito, maggiore sarà la velocità di miglioramento del sito. Inoltre, sarà in grado di offrire una serie di soluzioni ad eventuali problemi che il blog potrebbe manifestare. Per esempio, potrebbe prevedere una pagina alternativa priva di immagini per le versioni di sola lettura del sito. Oppure può permettere di combinare una serie di script-animazioni della pagina in un minor numero di file così da ridurre i tempi di caricamento. 

Altro fattore chiave è rappresentato dalla presenza di referral e partnership.

I primi sono riferimenti e feedback positivi al proprio sito da parte di altri blog, siti e articoli. I secondi, invece, vere e proprie collaborazioni tra la propria azienda e altre attività, citate all’interno dei canali digitali di queste. La capacità del proprio sito di essere rintracciato tramite altri non direttamente collegati, alzerà la quantità di apparizioni all’interno delle SERP e di conseguenza la notorietà e il traffico interno.

3. Search Engine Marketing Specialist – SEM Specialist

Quando si tratta di una grande azienda esiste uno specialista di marketing dei motori di ricerca dedicato, noto anche come specialista SEM. Lo specialista di questo ambito segue il processo di utilizzo dei motori di ricerca per scopi di marketing e pubblicità. Lavora per indirizzare il numero di lead e click a partire dal budget di marketing specifico, gestisce l’offerta, la ricerca dei trend di mercato per parole chiave, l’analisi, il copywriting degli annunci e testa l’efficacia degli annunci delle campagne. Analizzando in modo accurato i motori di ricerca, fornirà le informazioni ricavate al Customer Relation Manager e al Lead Generation Manager, con i quali collabora strettamente, al fine di permettergli di focalizzare e specializzare in modo dettagliato la loro offerta al cliente.

4. Customer Relation Manager

Il Customer Relation Manager ha il compito di gestire il sistema di relazioni con i clienti attraverso strategie marketing e fidelizzazione. L’obiettivo del CRM Manager è incrementare il customer lifetime value, i profitti prevedibili in base alla relazione con i clienti, mediante una logica che mette al centro gli acquirenti, ovvero customer driven.

L’attività del CRM Manager monitora una serie di parametri come la frequenza d’acquisto, il valore medio dell’acquisto, la durata della relazione e i costi per prolungare l’interesse del cliente verso l’azienda.

Le competenze di un CRM Manager comprendono la capacità di analisi, la segmentazione del target e datamining. Dovrà essere bravo ad “agganciare” i clienti, guadagnando il loro interesse e la loro fiducia senza campagne massive.

Da un punto di vista esecutivo, il CRM Manager si avvarrà dell’uso di una serie di tools quali software come SQL e di data mining e programmi di marketing automation. Ne sono un esempio i programmi di Lead Nurturing, che automatizzano l’invio di e-mail e messaggi in funzione delle azioni e del comportamento degli utenti ai Leads (che analizzeremo nel punto successivo).

Il lavoro del CRM è quindi direttamente collegato a quello del Lead Generation Manager.

5. Lead Generation Manager

Il Lead Generation Manager amministra e pianifica una serie di scelte di marketing volte alla generazione, raccolta e archiviazione di contatti che rappresentano potenziali futuri clienti aziendali, denominati Leads.  Attraverso una “targetizzazione” della propria pubblicità che dirige a coloro che hanno effettive possibilità di divenire fruitori del prodotto/servizio.

Avvalendosi di una lista di contatto customizzata, individua e personalizza la proposta per i vari lead. Il processo di ricerca e generazione dei leads è chiamato “lead generation marketing” e avviene in 4 fasi: attrarre – convertire – chiudere – soddisfare. In questo modo potrà costruire azioni mirate per il cluster di clienti indirizzando le loro esigenze verso specifiche opportunità di business.

Anch’egli si avvale di strumenti di automazione per stabilire un rapporto di comunicazione costante con i Lead e della continua collaborazione con CRM e Data Analytics Manager per essere sempre costantemente aggiornato sui trends del mercato adattabili ai propri clienti.

6. Data Analytics Manager

Il responsabile degli analytics, DAM, è responsabile dell’implementazione di strumenti e strategie per tradurre i semplici dati in preziose informazioni aziendali. Deve avere la capacità di produrre report comprensibili e utili. L’interpretazione dei dati e la comunicazione dei risultati dei dati sono skills chiave in questa posizione. Sono quattro gli step essenziali al suo lavoro: la raccolta dei dati, l’analisi delle informazioni raccolte, l’individuazione dei KPI (Key Performance Indicator) e la creazione di una strategia online. Oggi si usano anche strumenti di intelligenza artificiale per avere una chiara comprensione delle esigenze dei clienti aumentando il livello di personalizzazione della comunicazione e dell’offerta.

Collabora strettamente con il CRM e il Digital Marketing Manager, al quale fornisce i dati per la personalizzazione delle offerte.

Nonostante la complessità del ruolo vari a seconda della tipologia di business (un DAM di un’azienda di grande consumo dovrà gestire una mole di dati maggiore rispetto ad una azienda che lavora in B2B), il mindset e le metodologie di lavoro rimangono pressoché invariate.

7. Social Media Marketing Expert

Un esperto di social media marketing è il responsabile del marketing nelle pagine dei social network per migliorare la presenza dell’azienda su Facebook, Instagram, Twitter ecc. Nelle sue attività c’è l’interazione con l’audience, la promozione dei contenuti e l’ampliamento delle opportunità per aumentare le vendite e la produzione. Il Social Media Marketing specialist conosce bene ogni piattaforma social, quali siano le strategie e come ottimizzare i contenuti per renderli coinvolgenti sui canali dei social media. Allo stesso modo conosce il target a cui fare riferimento.

8.  Digital Marketing Copywriter

Il copywriter digitale produce il contenuto scritto per le pagine web, blogpost e pagine social. Può lavorare come autore di contenuti sia freelance sia dipendente interni. Il copywriter supporta l’azienda nella produzione di contenuti, aiuta il marketer nella produzione di testi adatti ai motori di ricerca a scrive annunci pubblicitari, contribuisce alla produzione per i social network con le parole più adatte ai diversi canali social.

Nel suo lavoro adegua il contenuto e lo stile dei testi per vendere e/o informare. Scrive per blog, pagine web, social media, e-book, slogan e sceneggiature video.

Assiste nella realizzazione di presentazioni per descrivere i progetti e l’azienda stessa. Contribuisce nella realizzazione di contenuti digitali come video, infografiche e immagini.

9. Content Marketing Manager

Un content marketing manager gestisce blog, campagne di marketing, pubblicazioni di e-book, guest blogging, comunicazioni e-mail, video marketing, copywriting di pagine di vendita, ecc. Crea, modifica e migliora i contenuti che il pubblico sta cercando e ottimizza il percorso verso la conversione. Fornisce un piano editoriale e una strategia di content marketing efficaci per raggiungere gli obiettivi aziendali. I requisiti editoriali includono comprensione SEO di base, sviluppo di contenuti, categorizzazione e struttura. Comprende in sé alcuni aspetti dei ruoli di copywriter, SEO e SEM.

Al tempo dei lockdown Internet e le reti sociali rappresentano la massima possibilità di creare engagement. Diventa perciò indispensabile promuovere le community e attivare connessioni. I ruoli chiave nel digital marketing lavorano sull’analisi dei dati, sullo studio dei social network e sui motori di ricerca. Per essere efficaci bisogna sì seguire questi dati e le conversioni, ma anche concentrarsi sull’elemento umano: la sensibilità dell’acquirente, la storia del marchio e il coinvolgimento emotivo saranno la chiave del successo, per questo oggi si parla di marketing empatico.

0 Comments

Lascia un commento

More great articles

In che modo l’Intelligenza artificiale può valorizzare le risorse umane

Come le tecnologie dell’IA funzionano nei processi di reclutamento e gestione delle persone L'intelligenza artificiale sta diventando un fattore chiave…

Leggi articolo
Realtà virtuale

Non soltanto smart working ma work smarter

Da anni si parla in Italia di trasformazione digitale per le aziende, e per quanto concerne il lavoro di quanto…

Leggi articolo

Evoluzione e digital mindset per i lavori del futuro

Alcune soft skill sono condizioni necessarie ai lavori nel mondo digital. L’orientamento al rischio, la predisposizione all'innovazione e la capacità…

Leggi articolo
Arrow-up